Acqua energetica

Sarebbe bello se la capacità di ricavare energia pulita dal movimento ondoso diventasse enormemente diffusa ovunque. Nel mare di Ravenna recentemente Eni,  con l’aiuto del politecnico di Torino, ha realizzato un impianto che riesce a convertire l’energia delle onde trasformandola in elettricità. Allo stesso è abbinato anche un impianto di pannelli solari. Forse più in là a una simile idea si potrebbe anche abbinare qualcosa per sfruttare il vento per produrre energia? Non so. So solo che nel nord Europa già da tempo provanoa sfruttare le correnti marine per far girare delle turbine sommerse …

Comunque l’idea di sfruttare il mare per creare elettricità è estremamente interessante (sembra quasi un uovo di Colombo) soprattutto se si pensa al fatto che l’Italia si affaccia per tantissimi chilometri sul mare e anche le dighe foranee potrebbero essere riconvertite allo scopo.

Insomma sarebbe bello che tutti quei paesi che condividono la fortuna di affacciarsi sul mare piano piano iniziassero ad usare la forza dell’acqua degli oceani. Sicuramente avremmo un’atmosfera più pulita.

Un altro modo per trarre beneficio energetico dall’acqua sarebbe quello di dotare tutti i fiumi di dighe galleggianti per coinvogliarvi la plastica che vi galleggia in modo da intercettarla prima che si scarichi in mare. Tale plastica poi andrebbe reimmessa nell’economia circolare del recupero dei rifiuti. Sperando che comunque questi rifiuti vadano riducendosi fino a scomparire …

Sì, cara Greta, sarebbe bello se i tuoi giovani fans portassero avanti anche queste due idee green …

Umanità a chilometro 0?

Oggi, dopo i due disastri aerei dei Boeing 737 max, cominciano a essere divulgati i dati dei voli nel mondo. Pare che la Boeing abbia messo in produzione la nuova serie di velivoli 737 max perché  la maggior parte delle compagnie di volo devono far fronte ad un generale rinnovo del proprio parco velivoli ormai invecchiato. Questa nuova serie di modelli rappresenta il 60% della produzione dell’azienda e ne sono stati ordinati già 5000. La tragedia ha portato ad interdire i voli di questo tipo in Europa, in Usa, in Russia e in molti altri paesi. Il danno economico per la Boeing è  altissimo e anche per alcune compagnie aeree, come ad esempio la Rayanair che possiede velivoli solo di quel tipo e ora li vede costretti a terra in attesa che il problema al software venga risolto dalla casa produttrice.

Due sono le notizie che mi hanno colpito e che desidero evidenziare qui sul blog.

  • Boeing e Airbus sono le due case produttrici di velivoli maggiori, infatti insieme coprono il 90% della produzione mondiale: ebbene pare che prevedano un raddoppio della domanda di velivoli per i prossimi anni, dovuta all’intensificazione degli scambi commerciali e del turismo.
  • Oggi avviene nel mondo un decollo ogni 30 secondi.

Da ciò ne consegue che a breve dovremmo avere un decollo ogni 15 secondi!

Ma la terra, o meglio la nostra atmosfera, è e sarà in grado di sopportare tutto questo traffico di aerei con i loro relativi scarichi nell’aria senza venirne compromessa?

Se gli scarichi delle auto e dei camion sono inquinanti e determinano parte del problema del surriscaldamento del pianeta, non lo sono almeno altrettanto, se non di più, quelli dei velivoli? (Anche se nel settore la produzione di aerei sta andando verso modelli meno inquinanti …)

Non dovremmo arrivare a porci il problema? Non dovremmo agire tutti con più moderazione nell’uso dei mezzi trasporto, compresi i voli?

E pensare che internet con le videochiamate e le conference-call ha già dato un grande contributo a limitare degli spostamenti per lavoro … Però penso che non sia sufficiente.

Sarebbe bello se fossimo tutti più attenti ad un’economia e ad un turismo che prevedano una riduzione dell’uso dei mezzi di trasporto. Un’economia il più possibile a chilometro 0!

Cioè un’economia e un turismo che usassero maggiormente le ferrovie e le navi. Possibilmente sarebbe bello che le navi fossero riconvertite ad un uso anche della forza del vento oltre che dei motori (*).

Ma a monte di tutte queste questioni si tratta di ripensare anche all’andamento demografico mondiale. La terra può supportare miliardi di uomini, anche più di oggi, solo se sono rispettosi dell’ambiente, cioè se sono sobri nel loro stile di vita. Se invece si prevede un aumento generale dei consumi e degli spostamenti allora … Addio!

 (*) vedi articolo “Via col Vento” pubblicato sul blog il 20.2.2017 )

Circolare… circolare!

Perchè sotto Natale ci vogliono buone notizie per prima cosa vi segnalo questo articolo:

https://www.repubblica.it/ambiente/2018/12/14/news/dalle_ragazze_anti-plastica_il_contenitore_che_sparisce-214209746/.

Purtroppo la nostra realtà è ancora amara.

Dopo l’ennesimo rogo di plastica, questa volta in piena città di Roma, mi tocca tornare sul tema dello smaltimento circolare. La plastica si può smaltire in modo circolare in tre modi. Il primo quello del riutilizzo. Usare più e più volte un contenitore invece di gettarlo via. Mi ricordo che quando avevo circa 5 anni in televisione c’era una pubblicità con Gino Bramieri che cantava tenendo un secchio in mano: “e mo…? e mo…? E’ Moplen!” Il tutto per far conoscere agli italiani la robustezza del nuovo materiale di plastica inventato da poco, il Moplen. I secchi di Moplen erano indistruttibili. Ebbene in casa mia ci sono ancora vivi e vegeti cioè utilizzabili due secchi di Moplen comprati allora! Sono stati utilizzati e riutilizzati innumerevoli volte. Perchè quella plastica è indistruttibile. Perfino la legge in Italia non prevede che i secchi vadano smaltiti nella raccolta differenziata; i vecchi secchi e i vecchi giochi andrebbero buttati nell’indifferenziata. Pessima economia circolare.

Il secondo modo consiste nel riciclarla riducendola a palline di plastica che poi possono essere riutilizzate dalle industrie: da qui ad esempio il filo per il pile e gli oggetti di plastica riciclati. E’ economia circolare? Sì, ma il processo riesce solo per un quantitativo piuttosto ridotto assolutamente insufficiente per risolvere il problema dell’inquinamento del nostro pianeta.

Il terzo modo è quello di termovalorizzare la plastica. Bruciando la plastica usa e getta in un impianto moderno ed adeguato si ottiene che questo prodotto (che altro non è che un sottoprodotto del petrolio, cioè un idrocarburo,) generi energia. Anche questo processo che ottiene energia dalla plastica è giusto considerarlo un’economia circolare! Lo sanno bene gli abitanti di Brescia che hanno il teleriscaldamento generato dal termovalorizzatore dei rifiuti A2A.

E’ sbagliato invece definire impianto per i rifiuti quello dell’Ama che è bruciato. L’unica lavorazione dei rifiuti che effettuava era quella di triturarli e mescolarli. Perchè? Perchè in questo modo i rifiuti di Roma cambiavano classificazione da rifiuti urbani divenivano rifiuti speciali. I rifiuti urbani divenuti speciali potevano così essere estradati lontano dalla provincia di Roma, là dove qualcuno li ritirava, a carissimo prezzo, e magari riusciva anche a ricavarne energia (ad esempio nei termovalorizzatori esteri).

Quello di  buttare in discarica è invece il modo di smaltire la plastica che piace di più ai “verdi” (grillini o meno) nostrani. Altro che economia circolare, un vero disastro ecologico che vorrebbero lasciare alle gennerazioni future! Sic!

Speriamo che le generazioni future termovalorizzino tutta la vecchia plastica indistruttibile gettata ovunque a inquinare la nostra bella Terra e che riescano a sostituirla sempre più con prodotti nuovi ed ecologici come quello inventato in Svezia. E’ un augurio natalizio di buona economia circolare per tutti!

CIRCOLARE… CIRCOLARE! AUGURI… AUGURI!

Incontro a Lavena Ponte Tresa

Buongiorno a tutti! Scrivo per informarvi che il prossimo venerdì, il 23 novembre 2018 alle ore 21 sul lungolago di Lavena Ponte Tresa presso l’antica Autorimessa del Tram ci sarà una presentazione del mio ultimo libro.

Don Lorenzo Milani – con la mente aperta e il cuore accogliente – ed. Imprimatur.

Nella stessa serata alcuni studenti leggeranno brani dal libro “Lettera a una professoressa” per avvicinare le nuove generazioni alla scuola di Barbiana creata da Don Milani negli anni ’60.

Sarà l’occasione per riflettere sulla scuola di allora e di oggi e per comprendere meglio la personalità di un prete che allora fu definito “scomodo“.

Non mancate!

IMPRIMATUR_don_milani_COPERTINA

Tornado e alluvioni: la scoperta dell’acqua calda

cr_1

La triste novità di questo autunno è stata quella delle tempeste di vento simili ai tornadi che hanno abbattuto migliaia di alberi sulle nostre belle Alpi venete e lombarde. Siamo reduci da disastri ambientali epocali. Purtroppo stiamo abituandoci alle alluvioni che sono sempre più frequenti, quasi non si contano più. Sono passati più di dieci giorni e il maltempo non ha ancora lasciato il nord Italia…

Ascoltando i discorsi degli esperti in meteorologia si è appreso che tali condizioni di maltempo estremo derivano dal surriscaldamento dell’acqua del Mediterraneo che evaporando in misura maggiore rispetto al passato forma correnti di vapore caldo che, in questo periodo dell’anno, si scontrano con le correnti d’aria più fredde provenienti dal nord Europa. Il risultato di questo scontro è il formarsi di tempeste sempre più violente.

Sono anni che gli ecologisti puntano il dito sui danni del riscaldamento globale e vari trattati internazionali stanno cercando di porre un freno all’inquinamento atmosferico. Ormai siamo diventati quasi esperti tutti.

Però dell’acqua calda non si parla abbastanza, non ci si concentra a sufficienza sul problema.

Tutti scaldiamo l’acqua e poi la riversiamo negli scarichi ancora calda. Anche questo è inquinamento dannoso. Sembra paradossale ma inquiniamo anche quando cuociamo la pastasciutta e poi la scoliamo nel lavandino!

Se il danno lo si facesse solo in cucina sarebbe poca cosa. Purtroppo invece le industrie raffreddano i loro processi produttivi utilizzando circuiti refrigeranti ad acqua. Quell’acqua calda o si trasforma in vapore e quindi in correnti umide e calde di nuvole, oppure viene riversata ancora calda nei fiumi.

La Francia l’estate scorsa ha rischiato il blackout perchè l’acqua di raffreddamento delle sue numerose centrali nucleari, come sempre veniva scaricata ancora calda nei fiumi. Però quest’estate tali fiumi erano già caldi per via delle temperature esterne. Ebbene l’immissione di quell’acqua calda proveniente dai circuiti di raffreddamento ha provocato una forte moria di pesci nei fiumi suddetti. Hanno dovuto fermare le centrali nucleari per evitare il disastro ecologico: da qui il grave rischio di backout che i francesi hanno evitato comprando energia dagli stati confinanti, anche dall’Italia.

Ecco perchè parlo di “scoperta dell’acqua calda”. Bisogna focalizzare maggiormente l’attenzione sui danni derivanti dall’immissione nell’ambiente di acqua ancora calda. Quest’acqua finisce per riversarsi in mare e dal mare evapora generando poi le tempeste che ci hanno colpito.

Sarebbe bello che si riuscisse a far raffreddare l’acqua sotto terra, in appositi circuiti e cisterne prima di reimmetterla nei fiumi. Occorre che la politica globale presti maggiore attenzione a questa questione promuovendo leggi che obblighino tutti a fare attenzione al problema dell’acqua calda. Gli scienziati devono ingegnarsi per risolvere il problema dell’eccesso di vapore.

Tutti noi vedendo i film di fantascienza abbiamo visto che le città del futuro nell’immaginario collettivo potrebbero essere orribili e sempre immerse in nebbie e nubi.

Anche la tanto decantata ecologia dell’energia ricavata dall’idrogeno vedrebbe in realtà un enorme aumento del vapore acqueo. Siamo sicuri che ci piacerebbe vivere in un mondo in cui molta dell’acqua presente sarebbe sotto forma di nubi? Nubi pronte a scaricare pioggia torrenziale e ad oscurare il sole?

Sarebbe bella una riflessione mondiale sul problema.

P.S.: Un team di scienziati internazionale coordinati dall’università di Princerton (New Jersey) ha appena pubblicato il risultato di una ricerca sviluppata con nuove tecniche. Da essa si evince che dal 1991 ad oggi la temperatura degli oceani ha assorbito il 60% in più di calore di quanto era stato stimato dal Comitato dell’Onu per i cambiamenti climatici. Questo studio è pubblicato su Nature. L’articolo si focalizza sulla necessità di ridurre i gas serra di un 25% in più rispetto agli accordi di Parigi. Permettetemi di insistere: non basta ridurre i gas serra. Riscopriamo l’acqua calda! Cioè occorre una normativa e una tecnologia che vincoli tutti a non immettere nei fiumi acqua calda. Il raffreddamento dell’acqua dovrebbe avvenire sotto terra per non liberare nell’aria vapore acqueo.

La luna artificiale non è bio

moon-1099732_1280

Dopo anni di studi e ricerche ci siamo: la città cinese di Cengdu sta compiendo i primi passi ufficiali e concreti per avere una luna artificiale! Si tratta di dotarsi di un satellite che, rispecchiando la luce solare, produce un’illuminazione cittadina (maggiore di quella della luna piena di ben otto volte!)  che dovrebbe permettere di spegnere i lampioni. Se il progetto troverà i finanziamenti sarà realizzato nel 2020. Dovrebbe essere possibile regolare l’accensione da terra e nelle mire dei promotori oltre al risparmio energetico c’è anche quello del richiamo turistico dato che portà essere visto da terra in un raggio tra i 10 e gli 80 chilometri. Insomma dietro all’idea vi è come sempre soprattutto una motivazione economica. Denaro, cosa non si fa per te?

Per il vil denaro è davvero possibile che l’ecologia di un vasto territorio possa essere disturbata  senza che nessuno possa sollevare problemi, riflessioni, discussioni?

La luna, quella vera, per la vita di questo nostro pianeta, rappresenta una calendario celeste. Ovviamente il riposo notturno di tutti gli esseri viene influenzato dalla luna. Ma moltissime altre cose subiscono gli effetti delle fasi lunari  dalle maree, al ciclo mestruale delle donne e molto, molto altro. Molto altro di cui forse non siamo nemmeno a conoscenza perchè la nostra scienza non ha ancora indagato tutto. Infatti la vita che si è evoluta sulla terra non ha mai fatto a meno dell’influenza lunare. Tutto ciò che vive, che è bio, si è adattato alla presenza della luna e ne ha tratto giovamento. Riesco ad immaginare che solo alcuni esseri che si sono adattati a vivere nelle grotte o negli abissi marini, là dove non arriva nemmeno la luce solare, possono vivere senza la luna e le sue fasi.

Un sovvertimento ecologico di così grande portata dovrebbe essere ponderato molto di più. Oppure si pensa di attuarlo per verificare in un enorme esperimento scientifico che effetti si produrranno sugli esseri viventi, umani compresi? A Chengdu tutto e tutti saranno trasformati in cavie inconsapevoli?

In Cina bastano pochi politici locali e pochi scienziati per mettere in discussione il ritmo circadiano di miliardi di esseri viventi? Laggiù l’umanità è divenuta ormai così poco umile da ritenere di potersi svincolare dal proprio ecosistema così  grandemente solo col lancio di un satellite?

Pensiamo, per assurdo, se dal 2020 dovesse innescarsi una corsa mondiale al satellite “luna artificiale”, cosa accadrebbe ? Forse sarebbe l’inizio di un disastro ecologico planetario: sic!

A questo punto dell’evoluzione della nostra specie si sente l’esigenza di un rinsavimento collettivo. Come minimo almeno di una riflessione condivisa.

Sarebbe bello che vi fosse un ambito internazionale, riconosciuto da tutti i popoli, in cui discutere democraticamente se certe iniziative scientifiche possano/debbano essere ricercate e realizzate effettivamente. Forse dare vita ad una specie di Onu degli scienziati sarebbe utile per supportare i politici di tutto il mondo.

Certo l’Onu politica non ha mai brillato per efficienza e si sta dimostrando un’utopia mal concepita. L’umanità però è arrivata ad un punto tale che necessita di maggiore consapevolezza e riflessione collettiva.

Basta roghi di plastica!

E’ notizia di stamani quella dell’ennesimo rogo di un capannone intorno a Milano. Anche questa volta si scopre che vi era stipata abusivamente dell’immondizia di plastica. Plastica che da quando la Cina non la ritira più intasa la nostra Bella Italia. Ovviamente la malavita si è impossessata del business: affitta capannoni vuoti li stipa all’inversosimile e poi quando sono pieni fa partire gli incendi dolosi. E’ una vergogna!

Da questi roghi escono fumi velenosi pieni di diossina che respiriamo tutti: bambini, persone con difficoltà respiratorie, adulti (compresi i malavitosi).

E i verdi? I verdi se ne stanno zitti. Però quegli stessi verdi quando si tratta di aprire un inceneritore di immondizia di nuova generazione, cioè dotato di alte ciminiere con filtri a norma, capaci di intercettare la diossina scendono in piazza a manifestare. A pensar male si fa peccato, ma non si sbaglia… C’è da pensare che dietro quelle manifestazioni ci siano organizzatori pagati dalle mafie dei rifiuti.

Perchè è una cosa di buonsenso bio preferire ai roghi dolosi incontrollati gli inceneritori moderni. La plastica è un derivato degli idrocarburi pertanto quando viene inserita in un moderno inceneritore brucia bene e aiuta a bruciare anche gli altri rifiuti e si sa che più la temperatura del forno è alta e meno sono le scorie dannose emesse. E poi ci sono i filtri! Informatevi da Arpa della Lombardia di quanti pochi fumi dannosi escono dagi inceneritori di ultima generazione, rimarrete piacevolmente sorpresi.

Rimane il fatto che noi utilizziamo troppa plastica e sarebbe l’ora di cambiare registro perchè il “troppo stroppia!” come dice il proverbio…

Guardiamo i buoni esempi che ci vengono dall’estero, se ci riescono laggiù ci possiamo riuscire anche noi, non siamo mica da meno di loro…! Guardate ad esempio la foto qui in fondo. A sinistra una confezione d’acqua da mezzo litro nostrana a destra una confezione d’acqua da mezzo litro acquistata in Germania.

A sinistra plastica, a destra tetrapac, a sinistra non riciclabile, a destra smaltibile.  Inoltre quel tetrapac mostra il simbolo dell’uso di carta ecologica.

Se anche da noi si diffondesse questa modalità di confezionare l’acqua avremmo molti meno rifiuti di plastica e l’ambiente in Italia ringrazierebbe, così come tutti noi che ci viviamo. Verdi coraggio oranizzate manifestazioni sensate per promuovere quest’idea. Un’idea buonsenso bio.

acquaIMG_5495

 

Ideologie retrò

La crisi dei vecchi partiti europei che derivano ancora dalle ideologie del 1800 è sotto gli occhi di ciascuno di noi. Vorrei riflettere brevemente sulle cause di questa debàcle epocale.

Intanto cominciamo ad esaminare gli inizi storici. In Europa l’800 vide l’affermarsi della rivoluzione industriale. Fu un processo grandioso e al contempo doloroso. Milioni di contadini si convertirono in operai cittadini. Le condizioni di lavoro inizialmente erano abbruttenti e anche le condizioni abitative erano indecorose. Fu in quel contesto che nacquero le ideologie. Il marxismo altro non fu che un’idea di economia politica che tentava di ristabilire un nuovo equilibrio sociale: migliori condizioni di vita per i lavoratori salariati. Dalla teoria si passò poi all’ideologia quando alcuni partiti misero quelle idee a fondamento del proprio programma politico.

Nel ‘900 arrivò Lenin in Russia e nacque il Comunismo, ovvero l’ideologia dei lavoratori al comando di tutto: un Paradiso in terra.

Bastò il libro di Orwell “La fattoria degli animali” a rivelare che il re era nudo? No, purtroppo no. Ormai il meccanismo ideologico era innestato e anzi prese piede sempre di più: del resto le condizioni degli operi erano ancora difficili, occorreva ancora lottare per migliorarle. Questo per quanto riguarda la sinistra.

Guardiamo a destra. Inizialmente era formata dai Conservatori. Cioè da quella classe sociale borghese che non voleva sovvertire  niente nella società visto che da essa traeva un  buon, se non ottimo, livello di benessere.

La Rivoluzione comunista in Russia, la decapitazione della famiglia dello zar Romanoff, terrorizzò tutti i conservatori d’Europa. Fu in quel momento che prese avvio una vera e propria ideologia di destra. Si organizzarono partiti anticomunisti: nacque il fascismo in Italia, prima, il nazismo in Germania, dopo.

Quell’anticomunismo becero e barbaro fu sconfitto grazie alla seconda guerra mondiale. Dopo Yalta nell’Europa occidentale i partiti di destra divennero più moderati. Comunque nel 1900 tutta la politica fu giocata da partiti politici che in un modo o nell’altro si rapportavano alle ideologie di sinistra e di destra. (Sto semplificando moltissimo, me ne rendo conto. Però su un blog non si può approfondire di più.)

Ma alla  fine del secolo, e arriviamo a noi, la situazione cominciava a logorarsi perchè i presupposti nella società stavano cambiando notevolmente. Mi riferisco all’avvento della globalizzazione e della robotizzazione. In questo nuovo contesto le ideologie divennero retrò: nude e vecchie perchè non avevano più gli strumenti per rispondere alle nuove esigenze.

Lenin aveva progettato un’internazionale socialista: operai di tutto il mondo unitevi? Ma con la robotizzazione dove erano gli operai sfruttati alla catena di montaggio? Desaparecidos, per lo più. Peggio. Con la globalizzazione nasce un’orrenda concorrenza tra operai. Vincono (si fa per dire) quelli che vivono nei paesi più poveri, cioè quelli i cui stipendi sono più miserevoli. Di più. Dove è finito il padrone contro cui lottare? Difficile dirlo perchè ormai si mimetizza benissimo dietro a multinazionali e a finaziarie internazionali. Contro chi scioperare? Contro un listino di borsa? Contro un operaio che prende meno di te all’altro capo del mondo? Contro un robot, come nel ‘700 al tempo del luddismo? Ovviamente non è possibile: ormai si è rotto il meccanismo che teneva in piedi i partiti di sinistra!

A destra? La destra estrema archiviata dalla seconda guerra mondiale (per foruna!). La destra moderata,  archiviata dalla finanza speculativa, arrembante  e ipervelocizzata dai logaritmi dei computer, a cui non si riesce più a mettere la briglia. I conservatori? Spariti anche loro come le classi sociali che rappresentavano.

Così si chiude l’esperienza delle ideologie teoriche e politiche e siamo nel 2000.

Lenin si chiedeva: “Che fare?” Ormai tocca a noi che viviamo questa nuova epoca chiederci che fare? Inventarci nuove ideologie? Non credo che sia possibile e nemmeno utile o auspicabile. Le ideologie in passato hanno dato il via a lotte fratricide anche molto cruente con spargimenti di sangue. Sarebbe bello che il futuro vedesse un’umanità meno cruenta. Penso che si debba accedere ad un livello superiore di civiltà. Ma con quali strumenti?

Ovviamente attraverso il Buonsenso. Uno strumento di cui tutti noi, esseri senzienti, siamo dotati. Si tratta di coltivarlo nella nostra mente, nel nostro cuore. Occorre prima, però, liberarsi di ogni orpello delle vecchie dieologie retrò. Occorre anche lavorare per il bene comune, cioè essere bio (nutrire la vita). Per far questo bisogna essere individui sociali ed ecologici. Si tratta di diminuire il più possibile i propri gretti interessi dell’immediato per guardare più in là agli interessi delle generazioni future. Sì, sarebbe bello che l’umanità riuscisse a fare questo salto di consapevolezza e di civiltà: un salto quantico

Museo stupefacente a Fabriano

IMG-20180917-WA0008

A tutti consiglio vivamente di visitare il museo di Fabriano dedicato agli antichi mestieri in bicicletta.

In partcolar modo ai bambini e ai genitori più amanti della natura.

Scoprirete come questo mezzo ecologico poteva essere adattato ad un’enorme quantità di usi diversi dagli artigiani che all’inizio del ‘900 si spostavano nelle campagne.

Ecologia ante litteram che in quache modo sarebbe bello poter rispolverare e rendere attuale…

Buona visita a tutti, grandi e piccini!

IMG-20180917-WA0009

IMG-20180917-WA0007

Bravi a Fabriano, da premiare

IMG-20180917-WA0001

In gita a Fabriano subito balza all’occhio l’estrema pulizia della cittadina.

Uno sguardo più attento può notare anche la bravura nella raccolta dei rifiuti: in città ci sono cassonetti super differenziati accanto ad una bilancia per pesarli che si attiva tramite tesserino personale. In questo modo ognuno pagherà la tassa sulla raccolta dei rifiuti in modo equo e preciso.

Veramente bravi!

Sarebbe bello se questo metodo fosse applicato in tutti i comuni italiani.

IMG-20180917-WA0002

IMG-20180917-WA0000